Con una lettera indirizzata al presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e all'assessore alla sanità Luigi Icardi, l'Ordine delle Professioni infermieristiche di Torino ha segnalato le difficoltà degli operatori sanitari ad accedere al Percorso della Sorveglianza Sanitaria per l'esecuzione del tampone molecolare, del monitoraggio e della comunicazione dell’esito in tempi utili.

«Tutto ciò - spiega Massimiliano Sciretti, presidente di OPI Torino - alla luce delle denunciate e segnalate mancanze di risorse professionali da collocare nei reparti di cura Covid e No Covid. Vista la situazione di criticità relativa alle risorse professionali, chiediamo di intervenire disponendo che in ogni azienda sanitaria, pubblica e privata, vengano attivati percorsi preferenziali per tutti gli operatori sanitari».

Torna all'inizio del contenuto
Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione accetti di riceverli.
Informazioni OK, HO CAPITO